Dormire in carcere a Lubiana

Vuoi dormire in un igloo? O Preferisci una casa sull’albero? C’è la possibilità del sottomarino o, per i più macabri, della bara. Io ho deciso di passare una notte…al fresco! Un week end all’interno di un carcere, sì proprio di un carcere vero.

Con tanto di sbarre alle porte, filo spinato all’esterno e buco nella porta attraverso il quale veniva portato il cibo ai detenuti. La meta? Lubiana, capitale della Slovenia, nazione ancora low cost per noi italiani. E così, alla ricerca di una vacanza alternativa, Google mi ha proposto il sito dell’hotel Celica, (in sloveno proprio cella) ex carcere militare oggi trasformato in albergo, centro culturale e galleria d’arte, crocevia di gente di tutte le età e di tutte le culture.

L’albergo era inizialmente la sede del carcere militare dell’esercito Austro-ungarico e successivamente, per più di un secolo, appartenne ad altre forze militari. Dopo l’indipendenza della Slovenia e la partenza dell’esercito federale questa struttura, che si trova proprio nella parte artistica della capitale, è stata rimessa a nuovo da un gruppo di autori che hanno dato un tocco diverso ad ognuna delle 20 celle.

Ogni giorno, dopo le 14, gli ospiti dell’albergo hanno la possibilità di fare un tour delle camere. E così puoi entrare nella stanza nuziale con il letto rotondo sul soffitto, oppure nella cella con il materasso triangolare. Tutte le camere hanno ancora, come porta, la tipica porta di ferro con la fessura per il passaggio del cibo e la grata davanti. Non ci sono bagni all’interno delle celle, quelli comuni, però, si trovano al piano e sono molto puliti.

Hostel Celica

Il prezzo della camera è irrisorio ma riuscire a trovare una cella libera è abbastanza difficile perché l’originalità del posto rende questa meta molto ambita. Ci sono anche le stanze normali, camerate fino a 8 posti, in cui si trova sempre spazio. Da questo punto di vista, a meno che non siate degli amanti dei veri e propri ostelli, il posto è caldamente sconsigliato.

E il cibo? Compreso nel prezzo l’albergo, la mattina, all’interno della sala bar, offre un’abbondante colazione tipicamente slovena. Il pomeriggio (a pagamento), invece, nella sala da tè, si possono bere delle buonissime bevande calde e i dolci tipici della città. Per entrare in questa sala c’è un’unica regola: bisogna essere rigorosamente scalzi.

Uscendo, poi, non bisogna fare altro che buttarsi nella mischia e girovagare per la splendida Lubiana, piena di opera d’arte, ponti e fiumi che meritano realmente il costo della visita. I prezzi, rispetto all’Italia, sono bassi, e molta gente attraversa il confine anche semplicemente per poter fare benzina o comprare le sigarette ad un costo notevolmente inferiore rispetto al nostrano. Per una volta, quindi, sentitevi dei Papillon o dei moderni Indiana Jones e tentate l’avventura di un albergo bizzarro. Non ve ne pentirete!

Se poi vi piace il genere, vi consiglio la lettura di questo articolo, dove vengono descritti gli hotel più strani del mondo. Buona lettura e soprattutto buone vacanze.

About The Author

Articoli correlati

Consigli per risparmiare in vacanza a Parigi

Per ogni meta di viaggio, vi sono alcune semplici regole da tenere in mente che valgono sempre per risparmiare il più possibile. Le zone di più alta…

Come funziona il progetto Erasmus?

Certo che sarebbe proprio bello poter fare un’esperienza di studio all’estero. Vivere per qualche mese in un paese straniero, frequentare le lezioni e dare gli esami universitari….

I più bei castelli della Valle d’Aosta

La Valle d’Aosta è una terra ricca di castelli e di manieri di grande fascino, la maggior parte dei quali risalenti al periodo medievale: a quell’epoca, infatti,…

Le sorprese della Turchia

Meta dei turisti più esigenti, la Turchia, tutta da visitare in ogni suo angolo, riserva sorprese inaspettate anche ai turisti che l’hanno già visitata. Da sempre punto…

Il piacere dello shopping in viaggio

Il piacere dello shopping in viaggio è amplificato perché unisce due passioni: quella per gli acquisti e quella per la scoperta di posti nuovi. Chi è abituato…

Sposiamoci! Si, ma solo in viaggio

Da qualche anno ormai c’è un fenomeno che pare interessare congiuntamente sia gli operatori del turismo che quelli del settore matrimoni. Si tratta del fenomeno dei destination…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *