Procida, l’isola incontaminata del golfo di Napoli

Procida è forse l’isola meno conosciuta del golfo di Napoli, ma la sua bellezza merita un po’ più di attenzione. Si trova a sole 12 miglia dal capoluogo campano e nelle immediate vicinanze della più nota Ischia, conta circa 11.000 abitanti distribuiti su una superficie intorno ai 4 Km quadrati.

Un’elevata densità di popolazione per l’isola più piccola dell’arcipelago partenopeo. Il turista che vi approda non troverà negozi eleganti o locali alla moda, ma un centro accogliente e genuino che saprà allietare le giornate estive con le sue scogliere, il suo mare, i suoi paesaggi che richiamano sapori ed odori della tradizione popolare.

In tanti nei secoli hanno subito il fascino di Procida, la cui storia inizia con i Micenei tra il XVII ed il XVI secolo a. C. le cui tracce sono arrivate fino ai nostri giorni, ma vi sono testimonianze anche del passaggio di cumani, romani e normanni.

L’isola ha un solo porto commerciale, quello di Marina Grande la cui banchina è caratterizzata da grotte scavate nel tufo utilizzate, una volta, come rimessa per le barche ed adattate oggi a piccoli negozi.

Uno dei luoghi più amati è il borgo Corriccella al quale si arriva attraverso ripide scalinate. Qui le stradine sono occupate da numerose case colorate, per lo più appartenenti a pescatori, ma con il tempo la zona è divenuta sede di ristoranti e hotel tra i più ricercati. Le varie casupole, quasi appoggiate le une sulle altre, regalano una vera cartolina dell’isola. Non molto distante troviamo il Castello, meglio noto come Palazzo Reale risalente al 1563 e al cui fianco sorge il carcere, chiuso oramai dal 1988.

La marina più famosa è denominata Chiaiolella, piccola spiaggia, nota anche per essere punto di partenza per giungere alla Vivara isolotto di origine vulcanica collegato attraverso un ponte a Procida. La Vivara è stata dichiarata sito di importanza comunitaria e riserva naturale statale, ma rappresenta un simbolo della scarsa importanza che nel passato fu data a questo tratto di Campania, difatti l’accesso all’isolotto è impossibile a causa delle pessime condizioni del ponte.

Un territorio a tratti aspro, quello di Procida. Ne sono un esempio lampante i numerosi punti rocciosi che circondano la costa. Alcuni sono difficilmente raggiungibili, come le rocce del Carbonchio, altre sono meno impervie, ad esempio le rocce del Faro o quelle di Punta Pizzaco.

Raggiungerle è sempre un ambito traguardo anche perché il premio in palio è uno spettacolo mozzafiato, soprattutto per gli amanti della subacquea e del nuoto in genere che potranno tuffarsi in acque splendide.

Nessuno rimarrà scontento, l’isola offre spiagge sabbiose adatte anche ai più piccini, la più idonea è la spiaggia della Chiaia dove il fondale è basso ed il vento soffia raramente. In molti sono rimasti incantati da Procida, ricordata come l’ultimo set del grande Massimo Troisi che qui girò il film “Il Postino” ed a lui, nel settembre 2010 è stata dedicata una piazzetta.

Raggiungere l’isola è piuttosto facile, una volta giunti a Napoli basterà prendere il traghetto o l’aliscafo con partenza dal Molo Beverello o da Pozzuoli, in diversi orari del giorno. Con il traghetto il viaggio dura circa 1 ora, mentre l’aliscafo impiega mezz’ora.

About The Author

Articoli correlati

Consigli per risparmiare in vacanza a Parigi

Per ogni meta di viaggio, vi sono alcune semplici regole da tenere in mente che valgono sempre per risparmiare il più possibile. Le zone di più alta…

Come funziona il progetto Erasmus?

Certo che sarebbe proprio bello poter fare un’esperienza di studio all’estero. Vivere per qualche mese in un paese straniero, frequentare le lezioni e dare gli esami universitari….

I più bei castelli della Valle d’Aosta

La Valle d’Aosta è una terra ricca di castelli e di manieri di grande fascino, la maggior parte dei quali risalenti al periodo medievale: a quell’epoca, infatti,…

Le sorprese della Turchia

Meta dei turisti più esigenti, la Turchia, tutta da visitare in ogni suo angolo, riserva sorprese inaspettate anche ai turisti che l’hanno già visitata. Da sempre punto…

Il piacere dello shopping in viaggio

Il piacere dello shopping in viaggio è amplificato perché unisce due passioni: quella per gli acquisti e quella per la scoperta di posti nuovi. Chi è abituato…

Sposiamoci! Si, ma solo in viaggio

Da qualche anno ormai c’è un fenomeno che pare interessare congiuntamente sia gli operatori del turismo che quelli del settore matrimoni. Si tratta del fenomeno dei destination…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *