Come adottare un bambino a distanza

Adottare un bambino a distanza non significa soltanto distribuire beni ed aiuti di prima necessità, ma aiutare l’intera famiglia a costruire un domani migliore.

Grazie all’adozione a distanza (SAD) si cercano di eliminare le cause della povertà. Con pochi centesimi al giorno si garantisce ai bambini di Africa, Asia e America Latina, cibo, acqua potabile, cure mediche e istruzione di base.

La solidarietà verso i bambini del terzo mondo si concretizza in un contributo economico mensile, in grado di migliorare le loro drammatiche condizioni di vita.

Esistono varie tipologie di sostegno a distanza, strettamente legate al tipo di associazione con cui si opera: riguardano l’intervento alle emergenze, l’educazione, la lotta contro l’AIDS e il contrasto all’abuso e allo sfruttamento.

Tra le più importanti associazioni emergono Save the Children (Italia ONLUS), UNICEF, e Actionaid.

Le adozioni a distanza si distinguono anche in base al beneficiario che può essere il singolo bambino, un nucleo familiare, l’intera comunità, ma anche una scuola, un ospedale o un campo rifugiati.

Alcune associazioni prevedono che il donatore sia anonimo, mentre altre permettono di creare legami di tipo epistolare tra il donatore ed il beneficiario. Nel caso di un bambino, vengono apportate informazioni riguardo la storia della sua famiglia e delle condizioni in cui vive.

Durante il periodo dell’adozione a distanza è possibile avere notizie dei progressi raggiunti grazie alle donazioni, ricevere foto e disegni del bambino adottato.

Inoltre c’è la possibilità di far visita al bambino e rendersi conto visivamente dei progetti realizzati grazie alle donazioni.

I rapporti che legano il donatore ed il beneficiario non sono vincolanti dal punto di vista giuridico: secondo questo criterio non sono possibili rivendicazioni di natura economica.

È possibile avere informazioni riguardo le modalità di adozione e di pagamento della quota mensile direttamente dai siti delle associazioni di adozione a distanza.

Modalità di adozione

Generalmente sono previste tre modalità di adesione: attraverso la compilazione di un modulo di adesione scaricabile dai siti internet, comunicando dati e indirizzo del donatore via mail, telefonicamente o via fax.

Una volta ricevuto tutto il materiale di conferma, sarà possibile effettuare il versamento per rendere effettiva l’adesione.

La quota di pagamento mensile oscilla tra i 15 ed i 30 euro, a seconda delle associazioni e del tipo di sostegno che si desidera donare: sostegno base, aiuti medici e fondi per l’educazione.

Si può versare la donazione anche online mediante carta di credito, oppure tramite bonifico bancario o bollettino postale.

La povertà e le ingiustizie da sconfiggere sono ancora molte: qualsiasi contributo entra a far parte di un impegno volto a cambiare la vita di milioni di bambini in tutto il mondo!

About The Author

Articoli correlati

Come iniziare a programmare: i primi passi

Se sei interessato ad apprendere le tecniche di programmazione, ci sono alcuni passaggi fondamentali da seguire per iniziare. In questo articolo, forniremo una guida per principianti su…

Come disdire il Canone RAI

Il canone televisivo o canone RAI è una tassa da pagare sul possesso di apparecchi televisivi, indipendentemente dal fatto che si utilizzino o meno per seguire i…

Come comprare una casa

Comprare un appartamento è un passo che avrà delle conseguenze per diversi anni, per tanto è importante muoversi senza errori e fare una scelta in linea con…

Sospendere l’assicurazione auto

Lo sapevate che si può sospendere temporaneamente la propria polizza Rc auto? Chi per un lungo periodo non ha la necessità di usare l’automobile può risparmiare i…

Come regolarizzare un contratto d’affitto in nero

Case e appartamenti in affitto. Indispensabili per gli studenti universitari fuori sede. Camere singole doppie o triple: qualunque sia la nostra scelta non abbiamo alternative. Abbiamo bisogno…

Come fare la disdetta per le utenze domestiche

Quando si trasloca, a volte è necessario chiudere le utenze domestiche oppure provvedere a far cambiare intestatario. Alcuni di voi, però, avranno la necessità di chiudere l’utenza,…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *