Andare a funghi: Consigli per la raccolta

L’estate è ormai volta al termine e con l’arrivo dell’autunno si apre la stagione dei funghi. L’idea di andare in giro per i boschi a cercarli è allettante: raccoglierli, pulirli e cucinarli sono attività divertenti per chi ha del tempo libero da dedicarvi.

Senz’altro il sapore dei funghi freschi del bosco, come porcini, boleti, prugnoli, è tutta un’altra cosa rispetto a quelli che troviamo nei nostri supermercati, sia mangiati da soli che come parte dei nostri antipasti o dei nostri primi.

È però altrettanto vero che la maggior parte di noi non è un cercatore esperto. E allora, come dobbiamo comportarci se vogliamo raccogliere i funghi e non comprarli? Ci sono delle normative da rispettare? Quali e quanti funghi si possono raccogliere? Cosa non va usato per raccoglierli? Ecco qui di seguito alcuni accorgimenti essenziali da seguire e ricordare.

Innanzitutto ricordiamo che per gli amanti della ricerca dei funghi, o per coloro che si accostano a questa attività per la prima volta, consigli utili in merito sono forniti dal Corpo forestale dello Stato, pertanto raccomandiamo di visitare il sito ufficiale e di raccogliere tutte le informazioni in merito, anche in considerazione delle diverse aeree di competenza (consigliamo, quindi, di visitare anche i siti delle singole regioni e zone che intendete visitare).

In ogni caso, elencheremo ora qui di seguito alcune semplici regole.

Prima di partire

Per raccogliere i funghi sono previste delle apposite autorizzazioni, sotto forma di tesserini o permessi di durata variabile, emessi previo pagamento dagli enti locali, quali comuni, consorzi di gestione dei parchi, comunità montane, province o esercizi pubblici convenzionati.

Scegliete attrezzatura e abbigliamento adatti: scarpe da trekking o scarponcini alti o stivali, lampada, cellulare, cibo e acqua, un bastone per battere ed esplorare il terreno per evitare eventuali pericoli.

Una volta scelto l’itinerario che volete percorrere, documentatevi ed evitate i percorsi che non ritenete adatti alle vostre capacità fisiche.

Prima di incamminarvi, ricordatevi di dare comunicazione dei vostri spostamenti e consultate i bollettini meteo per verificarne l’evoluzione. Se dovesse mettersi a piovere non sostate vicino agli alberi o ad oggetti appuntiti che potrebbero attirare i fulmini.

Non andate da soli nel bosco in modo da avere sempre qualcuno vicino in caso di necessità.

Come e cosa raccogliere

Evitate sempre e comunque di raccogliere funghi che non conoscete e preferite solo quelli integri e in buono stato di conservazione. Se avete dubbi sulla loro commestibilità prima di pulirli ricordatevi di consultare la propria ASL: per essere certi della loro commestibilità è necessario determinarne la specie con un attento esame di riconoscimento delle loro componenti morfologiche.

Non raccogliete funghi se questi si trovano nei centri abitati, o lungo strade molto trafficate (potrebbero essere contaminati da elevate quantità di piombo) o su terreni coltivati o pascoli (dove potrebbero essere state cosparse sostanze tossiche come fertilizzanti, disinfettanti o diserbanti).

Sono ammessi non più di due o tre chili a persona per il raccolto giornaliero (il tetto massimo è deciso da ogni singola regione) e dovete informarvi su eventuali restrizioni per alcune varietà di funghi, a seconda delle zone in cui vi trovate. Ricordatevi inoltre che la raccolta è consentita solo in giorni e ad orari precisi.

È vietato:

  • utilizzare uncini o rastrelli che grattano il sottobosco e che possono danneggiare l’humus e il micelio che producono i funghi
  • tagliare i funghi alla base, questi devono infatti risultare sempre riconoscibili
  • usare buste di plastica per trasportarli. I contenitori devono essere aerati e rigidi (come i classici canestri) per consentire la diffusione delle spore nel bosco e affinché il prodotto non si deteriori durante il trasporto. Ricordatevi inoltre di pulire subito il fungo da residui di terriccio, rami e foglie per garantirne l’integrità
  • danneggiare volutamente i funghi, per cui non vanno mai abbandonati una volta staccati dal terreno. Lo stesso vale per i funghi velenosi, altrettanto importanti per l’equilibrio biologico
  • raccogliere funghi troppo giovani, che non hanno ancora prodotto i loro semi ed evitate comunque quelli vecchi e/o ammuffiti.

Come pulire e cucinare i funghi

Poiché i funghi deperiscono velocemente, è necessario consumarli presto. La pulizia deve essere accurata: è necessario eliminare le parti rosicchiate dagli animali o intaccate dai vermi.

Con delicatezza vanno tolti i residui dalle lamelle e, nel caso di boleti, la parte spugnosa dei tubuli se questa è annerita o molla. È meglio lavarli interi, così che assorbano meno acqua, e non troppo a lungo per non perderne il sapore. Tuttavia alcune specie necessitano una sbollentatura per eliminare le tossine termolabili e renderli così commestibili.

Tutte le fasi di cottura, conservazione ed essiccazione dei funghi devono seguire solo ad una certa identificazione degli stessi, perché tentare di riconoscerli successivamente è praticamente impossibile.

Tutti i funghi, generalmente, sono difficilmente digeribili, quindi evitate di mangiarne in grande quantità, compresi i porcini.

Diffidate dei consigli di parenti e amici e non mangiate funghi regalati: fidatevi solo di quello che conoscete secondo la vostra esperienza. Potete anche congelarli in casa se preferite.

E a questo punto, buon appetito!

About The Author

Articoli correlati

Come si prepara una vera amatriciana?

Tutti conosciamo uno dei piatti più famosi della cucina italiana, gli spaghetti all’amatriciana. Sappiamo benissimo quanto sono buoni, ma forse non tutti conoscono gli aneddoti legati a…

Pausa pranzo: Cosa mangiare fuori casa?

Qualora siamo obbligati a rimanere fuori a pranzo per lavoro, per studio o per altre motivazioni le domande sono sempre le stesse: dove e cosa mangiare? Infatti…

Come cucinare senza sporcare la cucina

Cucinare è sicuramente un divertimento: possiamo sbizzarrirci in nuove preparazioni, stupire amici e parenti, organizzare delle simpatiche cenette. Ma quando abbiamo finito, la cucina assomiglia allo scenario…

Cosa mangiano i vegani? Caratteristiche della dieta vegan

Sempre più persone scelgono di passare ad un’alimentazione vegana, una tipologia di dieta che non prevede l’utilizzo di carne e pesce, né tanto meno di prodotti derivati…

Come fare il caffè con la moka

Profumato e rigenerante, un buon caffè la mattina è quello che ci vuole per affrontare al meglio la giornata. Abbiamo già esaminato benefici e controindicazioni di questa…

Come si prepara il pesto genovese

Il pesto è uno dei condimenti più buoni che offre la cucina italiana. Si prepara veramente in poco tempo e con pochissimi ingredienti, purché di ottima qualità….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *